Connettiti con noi

Attualità

Renzi: «Al voto nel febbraio 2018»

Fisco più semplice e meno caro, nuovo diritto del lavoro, legge sui diritti civili e riforma della Rai alcuni degli obiettivi da realizzare nei Mille giorni presentati alle Camere

architecture-alternativo

«I Mille giorni sono l’ultima chance per recuperare il tempo perduto»: Non usa mezzi termini Matteo Renzi alle Camere per presentare il programma dei prossimi tre anni di governo sulle riforme.

Crescita e condivisione i due concetti pià usati, mentre è «grottesco» secondo il premier dire che i mille giorni sono una «dilazione» del programma di governo: fisco più semplice e meno caro, nuovo diritto del lavoro, legge sui diritti civili e riforma della Rai alcuni degli obiettivi da realizzare.

«Al termine di questo percorso riusciremo non soltanto a capovolgere la storia di questa legislatura ma a rimettere in pista l’Italia», la promessa dell’ex sindaco di Firenze atteso oggi dalla segreteria del Pd e deciso ad arrivare in sella fino a febbraio 2018 prima di tornare a votare con una nuova legge elettorale: «Sull’Italicum siamo pronti ad ascoltare, ma alcuni punti sono immodificabili», assicura il presidente del Consiglio, «qualcuno potrà sostenere che andare a votare sarebbe meglio: rispettiamo la presa di posizione e dal punto di vista utilitaristico magari sarebbe una buona idea ma noi pensiamo che prima delle esigenze di un partito venga l’interesse del Paese».

Poi le parole dopo i dati Ocse sulla recessione: «Oggi siamo in momento in cui l’eurozona è ferma, l’Italia ha interrotto la caduta ma non basta, non è sufficiente», ricorda il premier, «i numeri non sono più devastanti ma chi si accontentasse di interrompere la caduta dovrebbe farsi vedere. Noi dobbiamo ripartire e tornare a crescere partendo dagli occupati perché l’incremento di 83 mila registrato in un anno a giugno è insufficiente. O le riforme si fanno tutte insieme o non si porta a casa il percorso di cambiamento: il “benaltrismo” come filosofia politica ignora il dato di fatto che o le riforme si fanno insieme o non si esce con il passo della tartaruga da 20 anni di stagnazione».

Credits Images:

© Getty Images

Scarica le App

DUESSE COMMUNICATION S.r.l. - Via Goito, 11 - 20121 Milano - PI 12777410155 - N. REA 1584599 - N. Reg. Imp. MI-1999/96457 Capitale sociale € 203.000
Iscrizione al Registro Nazionale della Stampa n.9380 del 11/4/2001 ROC n.6794
businesspeople.it è una testata registrata al Tribunale di Milano - Registro Stampa - n.109 del 5/3/2010
Direttore Responsabile Vito Sinopoli
Credits: Bigup Marketing